Posts tagged ‘paola cereda’

settembre 13, 2017

Polesine. La nostra Amazzonia in cortile

IMG_20170913_085242.jpg

Non lo so nemmeno io, perché ultimamente mi sono appassionato così tanto alle terre del Delta del Po.

Io che sono sardo e per noi sardi acqua e terra sono due componenti ben definiti da adorare e temere in misure ben certe e contrapposte. Ma io sono sempre stato attratto da tutto ciò che è sospeso nel tempo, a tutto ciò che oppone resistenza al cambiamento. A tutto ciò che è immobile, ed è. Esiste. A dispetto della modernità, delle cose che cambiano. Una silenziosa opposizione alla truffa.

Viviamo in città sempre più caotiche, frammentate da nuove geografie funzionali che le isolano dall’esterno. I centri sono entità a parte, hanno una loro identità specifica, mentre le periferie sono tutte uguali. Queste nuove geografie funzionali (per non chiamarle cicatrici) sono descrivibili solo per la funzione che svolgono, che quasi mai è quella di piacere, ma solo di trasportare, collegare, realizzare spine, passanti, tunnel metropolitani, oppure per ricucire ferite del passato, perpetrando però gli stessi errori, come ricalcare vecchi tracciati ferroviari, il tutto chiamato con nomi leggiadri ma fuorvianti, troppo belli per ciò che rappresentano. Sono proprio questi, quelli che l’antropologo francese Marc Augé chiama “non luoghi”.

Il Polesine è certamente (diventato) l’archetipo dei non-luoghi italiani; una vasta depressione tra due grandi corsi d’acqua, avvolta da una nebbia chimica quasi eterna, sotto al livello del mare. Un territorio dai confini variabili a piacimento della natura.

Il Polesine è un posto dove da sempre è difficile vivere. E famoso per le alluvioni, per essere sempre stata terra di emigrazione, come un Sud incastonato nel nostro profondo e industrializzato Nord. Un luogo deve avere tre caratteristiche essenziali: essere identitario – in grado quindi di individuare l’identità di chi lo abita – essere relazionale – stabilendo una reciprocità dei rapporti tra gli individui funzionale ad una comune appartenenza – essere storico – mantenendo la consapevolezza delle proprie radici in chi lo abita. Il Polesine non è niente di tutto ciò.

Due libri hanno soddisfatto la mia fame di immersione in quei luoghi attraverso le parole, in attesa di poterci andare di persona, spero presto: “Anime galleggianti”, (La nave di Teseo) di Vasco Brondi e Maurizio Zamboni. Vasco Brondi è autore e cantante de Le luci della centrale elettrica, a mio avviso il progetto più interessante della scena musicale dell’ultimo decennio, e “Confessioni audaci di un ballerino di liscio”, (Baldini&Castoldi) di Paola Cereda, una delle autrici più talentuose del nuovo panorama della letteratura italiana. Con entrambi ero già in contatto diretto, perché loro sono due dei miei artisti preferiti, con le loro opere sanno sempre come arrivare a me, cosa raccontare, con quali ritmi. Li avevo già seguiti nei loro viaggi di città, di periferia, di bassa padana, di Sud Italia e li avevo amati, sempre. Stavolta è come se si fossero messi d’accordo per portarmi in quella terra affascinante, senza nemmeno conoscersi tra di loro anche se vorrei che lo fosse, per raccontarmi cos’è la vita lì, di cosa è fatta.

Anime galleggianti è un viaggio a bordo di una zattera a motore, la discesa di un canale preso da una strada provinciale, come una porta di un universo parallelo. Da lì inizia un viaggio fino ad arrivare al mare, approdo finale. Ci vorranno due giorni di viaggio,” come andare in Australia o alle Hawaii”. E’ un viaggio tra Pescatori di frodo che appaiono all’improvviso tra le fronde, e alla vista di altri esseri umani ritraggono in fretta e furia i loro galleggianti. Stanno in postazioni ritagliate nella fitta vegetazione, attrezzate con ombrelloni e una sedia di plastica che sembrano troni aborigeni.

Ore di navigazione con gli aironi che ogni tanto condividono la strada dal cielo, la vegetazione fittissima ai lati, senza incontrare niente e nessuno, poi sfiorare il mondo civilizzato di una strada statale, vista da una prospettiva diversa, a pelo d’acqua, qualche ponte in ferro, che chissà l’ultima volta che qualcuno lo ha attraversato.

Luoghi ai margini del mondo in cui ascoltare le proprie solitudini e le proprie fantasticherie, in contemplazione dei silenzi d’acqua. Il Polesine, la nostra Amazzonia in cortile, popolata da anime sospese nel tempo, personaggi leggendari che sfidano l’inospitalità di quei luoghi fino a vincere il braccio di ferro tra resistere e desistere, stabilirsi in baracche, case, ville, roulotte, impiantare attività, impadronirsi di spazi altrimenti di nessuno, diventare alieni nel centro esatto dell’Europa, tra un Est e un Ovest mai così vicini, in nessun altro luogo.

Uno di questi luoghi, non troppo in lontananza, potrebbe essere Bottecchio sul Po, e quella casupola in mezzo al nulla il Sorriso Dancing Club, gestito da Frank Saponara, ballerino di liscio, fedele alla tradizione e impermeabile alle novità, ma anche uomo incapace di amare una donna fino alle estreme conseguenze di una vita condivisa.

Confessioni audaci di un ballerino di liscio è una storia di bilanci, di rimpianti non ammessi. “C’è da amarla questa baldracca della vita” perché ha le virtù di ogni donna che Frank ha amato. “Ci sono persone che attraversano la nostra esistenza con lo scopo di lasciare un segno”.

Alla festa dei cinquant’anni del Sorriso quelle persone ci sono tutte, una via di mezzo tra un amarcord e un giudizio universale. Scorrono come un fiume davanti ad un Frank immobile, nel suo tempo andato. Personaggi sopra le righe, eccessivi, eccentrici, o semplici fino al midollo. Una kermesse di umanità che credevamo scomparsa nel tempo, insieme alle balere con le luci stroboscopiche, i gin tonic, il ghiaccio secco, e i cravattoni.

Ma c’è qualcosa di profondo, che rende tanto autentico il personaggio di Frank e i suoi luoghi. Il fiume che scorre, l’immagine degli argini che non cedono malgrado le piene, malgrado tutto ciò che il fiume raccoglie nella sua corsa verso il mare attraversando centinaia di chilometri di terre lanciate senza freni nella modernità. «La notte mi consolai con quattro gin tonic e un classico del liscio, illudendomi di poter bastare a me stesso. Dopotutto le persone finiscono per assomigliare ai luoghi dove vivono, provavo a convincermi, e io dovevo al fiume il mio perpetuo scorrere.»

Confessioni audaci di un ballerino di liscio è prima di tutto una storia scritta divinamente bene, tanto che in alcuni momenti ti sembra di sentire la musica dell’orchestra, i profumi alcolici dell’acqua di colonia delle signore, mischiati alla polvere della pista da ballo e al sudore. All’odore stantio del fondo dei vermouth nei bicchieri.

Una avvertenza per chi vorrà addentrarsi in queste terre parallele e misteriose, tra realtà fotografica e letteratura di altissimo livello.

Il rischio è quello di rimanerci incastrati dentro. Per sempre.

 

MMP

 

 

 

 

Annunci
luglio 6, 2012

5/7/2012 Libreria Trebisonda, Torino. La carovana della Faglia è passata da qui.

Grazie a Malvina di Trebisonda, libreria indipendente di San Salvario a Torino, per aver ospitato la carovana della Faglia. Averla dissetata, sfamata, deliziata, con i prodotti locali, tutti a portata di bici. Avergli dato spazio, tempo e un comodissimo divano, per parlare del libro. Suonarlo, interrogarlo, deviscerarlo.

Grazie al pubblico che è intervenuto numerosissimo, sfidando la guerriglia del posteggio, occupando passi carrai, mettendo a ferro e fuoco marciapiedi e spartitraffici, seminando il panico tra i passanti e nei dehors dei locali. Pur di esserci.

Grazie a Paola Cereda, Franz Goria, Giorgio Olmoti, Silvio Totaro, Cecilia Salmè, Sined

Per avere parlato dell’energia dei due giorni così lontani nel tempo tra di loro, protagonisti della storia. Per avere dato voce a Gomez e avere interpretato Sgummo, Novi e Ligure.

Per averne suonato l’anima.

Franz Goria – chitarra e voce. Giro di vite, (Fluxus, 1997) in una emozionante versione acustica.

Sined – voce / Silvio Totaro – chitarra / Cecilia Salmè – violoncello. Aspetto un ‘onda (onu44, 2012). Main Track della colonna sonora de La Fagliahttp://massimomiro.wix.com/lafagliahomepage#!__colonna-sonora

giugno 16, 2012

La Faglia alla Trebisonda 5/7/2012 ore 21

Ospiti d’eccezione, per la presentazione della Faglia alla libreria indipendente di San Salvario TREBISONDA. Via Sant’Anselmo 22, Torino.

5/7/2012 ore 21

 

PAOLA CEREDA Autrice, è stata finalista al Premio Calvino nel 2001 e nel 2009. Ha collaborato con Moni Ovadia in ambito teatrale. Ha lavorato in Colombia, Argentina e Romania. Attualmente si occupa di progetti culturali e teatrali con minori italiani e stranieri.

GIORGIO OLMOTI Si occupa del rapporto tra media e storia, con particolare attenzione per canzone, fotografia, cinema e fumetto. Al centro delle sue attività più recenti, le possibilità offerte dai media e dalle nuove tecnologie per una nuova didattica. Tra le sue opere: Il Boom 1954-1967 (1998), Torino da bere (2002), Lavoro: uomini, macchine e tecnologie. Ottocento e Novecento: dalla nazione alla globalizzazione (2003), Fabrizio De André. Una musica per i dannati (2004), Il mestiere della fotografia (2006). Lavora presso una importante casa editrice italiana.

FRANZ GORIA Autore, cantante dei Fluxus, Petrol. Lavora nel campo della grafica digitale.

SILVIO TOTARO E’ stato chitarrista dei Rossocorvino e Wayside. Attualmente suona negli onu44 e ne cura la produzione artistica.

Conduce: Massimo Miro.

giugno 15, 2012

La Faglia da Trebisonda 5/7/2012 ore 21

Ospiti d’eccezione, per la presentazione della Faglia alla libreria indipendente di San Salvario TREBISONDA. Via Sant’Anselmo 22, Torino.

5/7/2012 ore 21

PAOLA CEREDA Autrice, è stata finalista al Premio Calvino nel 2001 e nel 2009. Ha collaborato con Moni Ovadia in ambito teatrale. Ha lavorato in Colombia, Argentina e Romania. Attualmente si occupa di progetti culturali e teatrali con minori italiani e stranieri.

GIORGIO OLMOTI Si occupa del rapporto tra media e storia, con particolare attenzione per canzone, fotografia, cinema e fumetto. Al centro delle sue attività più recenti, le possibilità offerte dai media e dalle nuove tecnologie per una nuova didattica. Tra le sue opere: Il Boom 1954-1967 (1998), Torino da bere (2002), Lavoro: uomini, macchine e tecnologie. Ottocento e Novecento: dalla nazione alla globalizzazione (2003), Fabrizio De André. Una musica per i dannati (2004), Il mestiere della fotografia (2006). Lavora presso una importante casa editrice italiana. 

FRANZ GORIA Autore, cantante dei Fluxus, Petrol. Lavora nel campo della grafica digitale.

SILVIO TOTARO E’ stato chitarrista dei Rossocorvino e Wayside. Attualmente suona negli onu44 e ne cura la produzione artistica.

Conduce: Massimo Miro.